Musica o Lego?

musichsheetpostRecentemente stavo parlando con un mio amico coinvolto in un programma di insegnamento ai giovani l”arte” di fare il DJ.
Parlando è uscito che i ragazzi che si avvicinano a questa disciplina chiamano una “misura” (insieme di valori compresi da due linee verticali poste sul pentagramma chiamate stanghette) “blocco”… All’inizio sono stato colto di sorpresa e dopo ho realizzato: i moderni software per fare musica, nonostante facciano risparmiare un sacco di tempo, forniscano molte possibilità e aiutino musicisti e fonici a fare grandi cose, non sono propriamente educativi per quelle persone che sono solo curiose musicalmente.

I moderni programmi per fare musica e le DAW sono una manna dal cielo per i professionisti del settore, e gli altri invece? Che succede con le persone che non sanno quasi nulla di musica?
I programmi professionali di musica sono fatti per i professionisti direte voi e io sarei pienamente d’accordo ma… Sappiamo benissimo che il mondo è tutt’altro che perfetto.

I programmi di musica di oggi, a parte aiutare i professionisti nel loro lavoro, spingono migliaia di novizi a provarli e fanno sentire tutti a proprio agio. Verissimo ma: una interfaccia facile da usare è sufficiente per cominciare a fare musica? Se siete musicisti o tecnici ovviamente la risposta è si, in caso contrario vi perderete tra migliaia di possibilità e interfacce colorate, incastrati in circoli che vi porteranno a fare sempre la stessa cosa.
Se non siete professionisti, vi ritroverete a “fare musica” senza capire che state facendo. Ma, ancora peggio, potreste pensare che state imparando la musica, o addirittura di essere dei musicisti!
Non importa come la mettete, se giocate con i “lego” non siete musicisti.
Si, potete mostrare a vostra madre o ai vostri amici quanto siete bravi a giocare con quella specie di mattoncini lego che muovete avanti ed indietro nella timeline del progetto e magari potreste anche riuscire a fare una canzone, ma sarebbe una canzone vera? Sarebbe originale? Sarebbe abbastanza buona da competere con i professionisti? Nel 99% dei casi no!
Mi dispiace per il brusco risveglio: i musicisti studiano la musica, si rompono la schiena su strumenti e software musicali tutti i giorni e non giocano con i “lego” sperando di fare una bellissima “costruzione” che ricorda musica.

Ok, è vero che più tempo uno fa qualcosa e meglio impara a farla, ma qui si parla di musica quindi, nonostante persone di eccezionale talento possano infrangere le regole, la maggior parte degli artisti di talento devono studiare per fare qualcosa con il loro talento (dico la “maggior parte” solo perché ho incontrato geni, sono l’eccezione e ti possono strabiliare).

Tornando a noi, che fanno tutti quei ragazzini aspiranti DJ che sentono quella fantastica canzone di David Guetta e la vogliono emulare? Si iscrivono ad un corso di musica? Magari fanno un master alla Berklee? No! La maggior parte semplicemente “gioca con i lego”. Si, una misura di musica registrata su un programma musicale ricorda un mattoncino lego ma… È questo che è diventata la musica? Ragazzini che giocano con i lego? Molte canzoni oggi sono fatte con i mattoncini lego e la differenza con la musica vera si sente. Anche io ho “giocato con i lego” e mi sono anche divertito, qualche volta ho addirittura fatto una musica che suonava decentemente con questo sistema ma… La musica è qualcosa di differente, non mi sono illuso neanche per un secondo di aver fatto musica in quel modo.

Studiate sempre per quello fare quello che vi appassiona, imparate ad usare la vostra strumentazione e fate cose grandiose perché era quello che volevate fare, non perché avete avuto fortuna.
Lasciate che i bambini giochino con i lego. La musica è già stata sminuita, usiamo la tecnologia per aiutarci a suonare musica vera e non lasciamo che la tecnologia suoni per noi.
Facciamo della Musica l’Arte che era un tempo.

Drew

About Drew

Drew is a Singer, Composer, Sound Engineer, Music Producer and a Writer. He’s always been involved in some kind of art, from visual arts to sound designing.
This entry was posted in Editoriale and tagged , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.